Il perdono

Autore: Valmore Gemignani (Carrara, 1 novembre 1878 – Firenze, 1 maggio 1956)

Scultura in ceramica invetriata

Dimensioni: larghezza 44cm, profondità 18cm, altezza 41cm

E’ stato uno scultore, ceramista e pittore italiano. Trascorse il periodo di formazione con il padre che era marmista. Frequentò l'Accademia delle Belle Arti di Firenze e divenne allievo di Giovanni Fattori e degli scultori Augusto Rivalta e Antonio Bortone. Esordì nel 1899 alla Promotrice di Belle Arti di Firenze, con cui tornò ad esporre nel 1901, nel 1903 e nel 1904. Tra le sue prime sculture c'era un piccolo ritratto di Fattori, del 1902, oggi conservato alla Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea di Roma. Gemignani disegnò anche ceramiche, eseguite dalla Manifattura Cantagalli ed esposte a Firenze nel 1902. Dal 1906 iniziò a viaggiare, in Olanda e in Belgio. Si fermò quindi in Germania, dove restò una decina d’anni e lavorò come ceramista per la Fabbrica Imperiale Rosentha.

Numerose esposizioni, tra cui la Biennale di Venezia, la Biennale di Roma, Firenze e Montecatini Terme ove presentò questa scultura intitolata “Il perdono”.